Il ricordo personale e la memoria pubblica tramandati dai discendenti dei protagonisti di eventi tragici del secondo conflitto mondiale

In occasione della Giornata della Memoria, l’Istituto Scolastico Comprensivo di Sigillo ha organizzato l’incontro « Il ricordo personale e la memoria pubblica tramandati dai discendenti dei protagonisti di eventi tragici del secondo conflitto mondiale » svoltosi il 27 febbraio 2015 a Costacciaro presso la Sala San Marco, aperto alla cittadinanza e agli alunni delle classi terze della Scuola Secondaria di I Grado dei quattro plessi di Scheggia, Costacciaro, Sigillo e Fossato di Vico.  Erano presenti il Sindaco di Costacciaro Andrea Capponi, lo storico Euro Puletti, la scrittrice mantovana Laila Baraldi, la prof.ssa Patrizia Biscarini, la prof.ssa Ortenzia Marconi.  Era presente anche l’Associazione Famiglie Quaranta Martiri Onlus, con il Presidente Marcello Rogari e il Segretario Giorgio Sollevanti.  In seguito al saluto delle Autorità è stato presentato il libro « Cadenze d’inganno » di Laila Baraldi, Edizioni Rossopietra, 2013, in parte incentrato sulla rievocazione della vicenda del padre dell’autrice, soldato italiano prigioniero in un campo di lavoro in Polonia dopo l’8 settembre 1943.  Successivamente il Segretario Giorgio Sollevanti ha illustrato la triste vicenda dei Quaranta Martiri di Gubbio, con l’aiuto di un filmato incentrato sull’eccidio del 22 giugno 1944 con alcune testimonianze di parenti.  I fatti drammatici dei rastrellamenti nazi-fascisti del marzo-luglio 1944 nei Comuni della Fascia Appenninica sono poi stati presentati al pubblico da Euro Puletti e da alcune testimonianze di parenti delle vittime.  Una mattinata ricca di testimonianze, dunque, nel corso della quale è stato più volte sottolineato l’importanza della memoria degli avvenimenti tragici che hanno lasciato un profondo segno nei Comuni della Fascia Appenninica; una memoria che i giovani devono custodire preziosamente e trasmettere.

Pour marque-pages : permalien.

Les commentaires sont fermés.