Chi Siamo

L’Associazione Famiglie Quaranta Martiri nasce ufficialmente il 31 maggio 1997 con un atto pubblico redatto dal Dott. Francesco Panni, notaio in Gubbio, presso la sala consiliare del Comune di Gubbio, alla presenza del Sindaco della città, Prof. Ubaldo Corazzi.
L’Associazione è composta principalmente dai familiari dei Quaranta Martiri e dai loro discendenti, ma è aperta anche a tutti quei soggetti che ne condividono le finalità, gli articoli dello statuto sociale e collaborano per il raggiungimento degli scopi istituzionali.
L’Associazione, sulla base dello statuto approvato dai soci fondatori, è governata da un Consiglio Direttivo composto da nove membri, dal Presidente, eletto dal consiglio anzidetto e da un Collegio dei Revisori, formato da tre membri, che svolgono funzioni di controllo giuridico e contabile.
L’Associazione con atto pubblico, redatto dal Dott. Francesco Panni, notaio in Gubbio, in data 14 ottobre 2006 ha assunto la qualifica di “Organizzazione non lucrativa di utilità sociale” (Onlus) apportando allo statuto le modifiche previste dalla specifica legislazione sugli enti senza finalità di lucro.
L’Associazione persegue in modo particolare tre finalità:

1. tenere viva la memoria dei Quaranta Martiri, uccisi per rappresaglia il 22 giugno 1944, e trasmetterla alle future generazioni promuovendo, favorendo iniziative e manifestazioni tendenti alla diffusione degli ideali di pace, libertà, giustizia e solidarietà;

2. curare, tutelare e valorizzare il Mausoleo dei Quaranta Martiri e l’area verde di pertinenza, beni vincolati dalla Sovrintendenza dei Beni Storico-Artistici dell’Umbria, collaborando in modo particolare con il Comune di Gubbio, e gli altri enti istituzionali;

3. stringere rapporti con altre città, associazioni, ecc., che abbiano avuto dei martiri caduti per la libertà.

In relazione al primo punto, l’Associazione ogni anno organizza la ricorrenza del 22 giugno d’intesa con l’Amministrazione comunale e rivolge un’attenzione particolare verso i giovani, agli studenti per far conoscere, approfondire e riflettere su questa triste pagina di storia cittadina, con lo scopo di sensibilizzare i giovani ed educarli ad un’autentica cultura di pace.
Con queste finalità, l’Associazione ha stretto da molti anni un solido legame con il Consiglio Comunale delle Ragazze e dei Ragazzi, che partecipa e collabora attivamente a tutte le manifestazioni indette dall’associazione.
Per quanto riguarda il secondo punto, l’Associazione, fin dalla sua costituzione ha posto al centro della sua attività la tutela, la conservazione e la valorizzazione del Mausoleo dei Quaranta Martiri e del Giardino della Memoria progettato da uno dei più famosi paesaggisti del secolo passato, Pietro Porcinai.
In relazione al terzo aspetto, l’associazione partecipa ad alcuni eventi celebrativi che si svolgono in altre località del nostro paese e ha stretto rapporti di amicizia e collaborazione con altri Comuni (Marzabotto, S.Anna di Stazzema, ecc.) che sono stati vittime delle stragi nazifasciste nel periodo 1943-45.

I commenti sono disattivati